Lettera di chiarimenti...

04.09.2017 16:37

Con riferimento all'art. 2 della LR 23/2015 (Funzioni delle Province) ed alla successiva modifica dello stesso articolo a seguito della l.r. n.  7/2016 (art. 1), si chiedono chiarimenti in merito al possibile utilizzo del personale trasferito in Regione e distaccato alle Province e alla Città Metropolitana, per funzioni di competenza provinciale (allorché attribuite e/o delegate) quali ad esempio le pratiche relative all'esproprio di terreni connesse al rilascio delle autorizzazioni alla costruzione ed esercizio di gasdotti ed oleodotti o alle attività estrattive.

Inoltre, essendo tutto il personale ex provinciale trasferito e successivamente distaccato, individuato e “mappato” sulla base del criterio di prevalenza nello svolgimento di funzioni oggetto di riordino, preme capire se le funzioni in materia di energia confermate dalla LR 23/2015 e s.m.i. in capo alle Province (art. 2), siano funzioni proprie delle Province e pertanto se lo svolgimento delle stesse deve essere effettuato con personale provinciale ovvero se sia lecito demandare, anche a tempo parziale e non prevalente, tale compito al personale regionale distaccato in Provincia o nella Città Metropolitana.

Si chiede il medesimo chiarimento, (ossia la possibilità per la Provincia di utilizzare il personale regionale “in distacco”), anche per la gestione di funzioni di cui all'art. 2, comma 3, sempre della l.r. n. 23/2015 e s.m.i.

Consapevoli dei contenuti di cui al punto 2.1 dell'Accordo in applicazione dell'art. 10, commi 1 e 6, della LR 23/2015, si precisa che i chiarimenti sopra esposti, vengono avanzati allo scopo di ottenere delle certezze sull'operato del personale ex provinciale, al fine di evitare problematiche connesse allo svolgimento di funzioni difformi da quelle previste per legge.

La tematica evidenziata interessa diverse realtà provinciali, per tale motivo si chiede di ricevere un cortese riscontro nel più breve tempo possibile.

Ringraziando per l’attenzione, si porgono cordiali saluti.

 

   Il Coordinatore CSA

                                                                                        dell’Ente Regione Piemonte

Luigi SERRA